Il messaggio dell'Accademia Senocrito

Locri e Faenza … correva l’anno 1994

IMG_9933Gianfranco Renzini arriva a Locri. In quel  periodo i rapporti di collaborazione con la rivista “Eco d’Arte Moderna” di Paolo Baracchi  e l’Associazione “La Città del Sole” di Maria Marchio, a Locri, erano molto vitali e attraverso tali contatti si trovava modo  di avere nella sede dell’Associazione locrese scambi artistici – culturali di respiro nazionale.
Partecipare al corso di Ceramica Raku diventava quindi una meravigliosa occasione per vivere all’aria aperta un momento di libertà creativa in compagnia di persone fuori dall’ordinario!

Ceramista faentino di nascita e lombardo d’adozione Renzini arriva con la simpatia innata dei Romagnoli, aperto al sorriso, semplice e magistralmente vicino a quella disciplina che magicamente trasforma la cruda materia in forme e colori, mai pensati prima, mai immaginati. E’ un momento magico che l’Associazione bene interpreta sapendo che ha davanti un grande e tutto viene vissuto con la semplicità che ben conoscono i bambini che si accostano alle cose senza ansie inutili, solo pronti a vivere il momento.

Sono trascorsi vent’anni e più e tornare indietro per fare memoria diventa utile per una ricognizione del bello che appartiene ad una storia della Locride, dell’Associazione che continua ancora percorrendo altre strade ma sempre legate all’essere umano che vive lo spazio e  allarga i propri orizzonti passando in particolar modo attraverso le strade dei linguaggi non verbali.

Il bene ed il bello lasciano tracce indelebili, ricordarle fa bene al cuore.

Luciana Vita (mentre modella, in alto Paolo Baracchi, foto in basso Maria Marchio e Gianfranco Renzini)